La Francia si aggiudica la partita inaugurale del ‘girone di ferro’. Germania mai doma ma sconfitta.

Mai si era visto un girone pazzesco come il Gruppo F di Euro 2020 che comprende Campioni del mondo, Campioni d’Europa e la più titolata delle nazionali europee, la Germania, capace di mostrare nel suo palmares 4 titoli mondiali e 3 europei … e scusate se è poco. E mai si era vista la partita inaugurale di un girone che mettesse di fronte le due principali favorite del torneo continentale.

L’attesa

Nel pomeriggio ci rifacciamo gli occhi ammirando la bellissima Puskas Arena  festante di 60.000 spettatori, spettacolo al quale non eravamo più abituati. L’orgogliosa Ungheria del C.T. italiano Marco Rossi cede soltanto nel finale ai campioni in carica del Portogallo con una sfortunata autorete e con quegli ultimi 5 minuti che ci svelano la presenza in campo di Cristiano Ronaldo. Ma tutta l’attesa è per la grande sfida  serale dell’ Allianz Arena.

Scontro fra titani

Che partita è ? Si scrive FranciaGermania ma si potrebbe tranquillamente leggere Bayern Monaco perchè qualcosa come 12 giocatori delle due nazionali militano nella corazzata bavarese: Neuer-Pavard-Sule-Kimmich-Hernandez-Goretzka-Tolisso-Muller-Coman-Gnabry-Sanè-Musiala.

I due commissari tecnici avversari lavorano da anni al loro progetto: Didier Deschamps dal 2012 è il tecnico della Francia con cui ha vinto il Mondiale 2018Joachim Low, seppure prossimo all’addio, guida la nazionale tedesca da ben 15 anni ed ha vinto il Mondiale 2014. Uno scontro fra titani.

La partita

Si comincia. Le due squadre giocano con sapienza tattica e capacità tecniche di grandissimo livello, grande equilibrio e nessuna vera occasione da gol. Lucas Hernandez ha lo stesso codice genetico di Theo e lo dimostra al minuto 19 quando si fionda veloce sulla sinistra, riceve da Pogba e scarica in mezzo un cross forte e velenoso che Hummels devia nella sua porta nel tentativo di rinviare. La Germania reagisce, nel frattempo Mbappè avverte Neuer con un bel tiro che il portierone respinge con bravura, Muller non riesce ad indirizzare in porta un bel cross di Gosens Gundogan strozza fuori un pallone ricevuto in acobrazia da Gnabry. Niente altro ma la partita è bella e godibile proprio per la qualità degli interpreti.

La ripresa comincia con un’incursione di Rabiot che colpisce il palo col piattone sinistro ma nei seguenti 20 minuti  la Germania è padrona del campo e si fa pericolosa due volte con Gnabry. La Francia supera il periodo difficile e al 65′ si vede annullato per offside un bellissimo gol di Mbappè che aveva infilato l’angolino dopo una serie di finte. Rigore reclamato dai francesi al 77′ quando Hummels salva miracolosamente su Mbappè che aveva inserito il turbo. Al minuto 84 grande giocata di Pogba per Mbappè che però parte in fuorigioco e rende nullo il gol di Benzema. I tedeschi terminano all’arrembaggio ma il risultato non cambia e i galli si aggiudicano lo scontro fra titani in un girone in cui sicuramente ne vedremo delle belle.