Il Milan non si ferma e incamera il risultato utile consecutivo numero 23. In un San Siro vuoto, la squadra di Pioli rifila un secco tre a zero allo Sparta Praga e consolida la leadership del proprio girone. Il pareggio tra Celtic e Lille consente al Milan di issarsi da solo in testa al proprio raggruppamento. Da Diaz a Dalot, solo buone indicazioni per Pioli.

Il primo tempo

Pioli fa riposare Kessiè e Theo Hernandez in vista della trasferta di Udine di domenica alle 12:30. Al loro posto dentro Dalot e Tonali che fa coppia con Bennacer. In porta confermato Tatarusanu. Ibra guida l’attacco, col terzetto Castillejo-Diaz-Krunic alle sue spalle. Lo Sparta Praga si presenta in formazione rimaneggiata con la chiara intenzione di agire di rimessa. Il Milan si installa immediatamente nella metà campo avversaria e va vicino al goal prima con un tiro di Krunic e poi con un colpo di testa di Ibra. La partita si sblocca al minuto venticinque. Diaz scippa palla a Lischka, la serve a Ibra che chiude il triangolo con lo spagnolo bravo battere imparabilmente Heca. Il vantaggio, meritato, permette al Milan di gestire ancora meglio la sfera. A dieci minuti dalla fine del primo tempo i padroni di casa avrebbero la chance per raddoppiare. Ibrahimovic viene strattonato in area su un cross di Bennacer: è rigore. Dal dischetto si presenta lo svedese che cestina malamente l’occasione colpendo la traversa. Si va negli spogliatoi senza ulteriori scossoni.

Il secondo tempo

La ripresa si apre con Leao al posto di Ibrahimovic. Il portoghese ha subito la palla del raddoppio ma spara addosso al portiere, bravo poi a ribattere anche il tap-in di Tonali (molto bene stasera). Al minuto 54 però l’ex Lille non sbaglia. Lancio perfetto di Bennacer per Dalot, trivela del terzino per Leao che da pochi passi insacca facilmente. E’ la rete che chiude la partita. Lo Sparta Praga non accenna nessuna reazione e anzi incassa anche il terzo goal. A siglarlo è Diogo Dalot che conclude splendidamente dopo un fantastico lancio dell’onnipresente Bennacer. La partita finisce qui. Nel Milan si rivedono Conti e Duarte, negli ospiti Kozak (ex Lazio). Al fischio finale la testa va già ad Udine. Il cammino del Milan è solo all’inizio.

Il tabellino

Milan (4-2-3-1): Tatarusanu; Calabria, Kjaer, Romagnoli (80′ Duarte), Dalot; Tonali, Bennacer (81′ Kessie); Castillejo, Krunic (Maldini 88′), Brahim Diaz; Ibrahimovic (46′ Leao). A disposizione: A. Donnarumma, Moleri, Conti, Hernandez, Kalulu, Calhanoglu, Saelemaekers, Colombo. All.: Pioli

Sparta Praga (4-3-3): Heca; Sacek, Lischka (80′ Plechaty), Celutska, Hanousek; Vindheim, Travnik (80′ Karabec), Pavelka; Krejci (63′ Karlsson), Dockal (90′ Patrak), Julis (63′ Kozak). A disposizione: Nita, Kotek, Gabriel, Vitik, Hanousek, Minchev, Polidar. All.: Kotal

AMMONITI: Dockal, Lischka (Sparta Praga)