Solo cinque giorni alla partita inaugurale di Euro 2020, vediamo come giocherà l’avversaria degli azzurri, la Turchia di Senol Gunes.

Nel lontano 1480 la flotta turca sbarcò a nord di Otranto su quel tratto di spiaggia chiamata oggi Baia dei Turchi, la ferocia delle battaglie che ne seguirono diede vita all’esclamazione “mamma li turchi” espressione di paura e terrore. Ma ancora oggi la nostra nazionale di calcio deve avere così timore di quella turca ?

Sicuramente no, seppure l’avversaria della partita inaugurale di venerdì sera sia tutt’altro che da sottovalutare. Squadra ostica e spigolosa oltre che dotata di alcune buone individualità, nelle partite di qualificazione ai mondiali ha ottenuto la sorprendente vittoria per 4-2 con l’Olanda ed hai poi vinto ancora per 3-0 in Norvegia. Andiamo a vedere come giocherà la squadra del C.T. Senol Gunes che, ad oggi, è l’allenatore che con il terzo posto al Mondiale del 2002 in Corea/Giappone ha ottenuto il miglior risultato nella storia della nazionale turca.

Come giocherà la Turchia

Il modulo adottato sarà un 4-2-3-1 con una formazione-tipo che sarà verosimilmente quella nell’illustrazione. Gunes potrà schierare, oltre all’interessante centrocampista Ozan Tufan del Fenerbahce, alcuni giocatori di nostra conoscenza come il milanista Chalanoglu, lo juventino Demiral e il difensore del Sassuolo Ayhan oltre a ben tre neo campioni di Francia col LillaCelikYazici che segnò una tripletta al Milan in Europa League e l’inossidabile bomber Burak Ylmaz.

Questa volta non li aspetteremo ad Otranto ma allo Stadio Olimpico di Roma venerdì 11 giugno ore 21, non ci sarà ferocia come nel XV secolo ma di sicuro sarà ancora battaglia.