La UEFA ha incontrato ieri in videoconferenza le sue 55 Federazioni, chiedendo a tutte di sforzarsi per portare a termine i campionati nazionali, in modo che le squadre dei vari Paesi si possano qualificare alle prossime coppe europee per meriti sportivi e non attraverso classifiche studiate a tavolino.
Qualora non fosse possibile mantenere il format originale, si accetterebbero anche delle variazioni di formula, introducendo magari i play-off e i play-out, sottolinea Sky.
La data limite per chiudere i campionati sarà il 3 agosto, giorno in cui le 15 federazioni che non dovranno passare attraverso i turni preliminari avranno l’obbligo di comunicare i nomi delle squadre qualificate alle coppe della prossima stagione.

Nel caso (come in Belgio e Olanda) non si riesca a rispettare questo limite, si è deciso di aspettare giovedì quando, in occasione della riunione del Comitato Esecutivo, verranno svelate le linee guida per stilare le classifiche sulla base di tre elementi: equità, trasparenza e meriti sportivi.

Champions League ed Europa League ad agosto

Lo scenario altamente probabile è quello che prevede agosto come il mese in cui concludere Europa League e Champions League, con Inter e Roma in campo a partire dal 2 o dal 3, Napoli e Juventus dal 7 o dall’8, Atalanta dall’11 o dal 12. Il 27 la finale di Europa League a Danzica, il 29 quella di Champions ad Istanbul.
A livello di format, confermati quelli attuali. Le squadre scenderanno in campo ogni tre giorni. Sempre ad agosto, si giocheranno le qualificazioni alle coppe 2020/21, mentre le domeniche verranno lasciate libere per quelle federazioni che volessero già iniziare i campionati nazionali della nuova stagione.