Un goal di Havertz consente al Chelsea di alzare la Champions 2020/2021: City battuto nella finale di Porto.

Il Chelsea, a sorpresa, si laurea campione d’Europa. I Blues hanno battuto per 1-0 il Manchester City nella finale di Porto: decisivo un lampo di Havertz.

Guardiola rinuncia a Rodri e dentro Sterling, con Bernardo Silva arretrato a centrocampo e il classico schieramento senza attaccante di ruolo. Tuchel sceglie Havertz in avanti con Mount e Werner.

Il City gioca, il Chelsea riparte: dopo un quarto d’ora Werner calcia debolmente divorandosi il vantaggio, Kantè incorna a lato, poi la ‘banda’ Guardiola produce anche un grosso pericolo con Foden su cui è provvidenziale Rudiger in scivolata.

In chiusura di tempo – dopo aver perso Thiago Silva per infortunio – i Blues la sbloccano con Havertz, che riceve un assist di Mount, evita Ederson in uscita e fa 1-0 a porta vuota.

Nella ripresa, dopo Thiago Silva, la finalissima di Porto perde anche De Bruyne, fuori in lacrime malconcio dopo un duro scontro testa contro testa con Rudiger. Pulisic si divora il raddoppio, Guardiola si gioca la carta Aguero, ma il fortino del Chelsea non crolla e il City – tolto l’ultimo brivido firmato Mahrez al 97′, è appannato. Al ‘Do Dragao’, la festa è tutta londinese.

IL TABELLINO E LE PAGELLE

MANCHESTER CITY-CHELSEA 0-1

MARCATORI: 42′ Havertz

MANCHESTER CITY (4-3-3): Ederson 5.5; Walker 6, Stones 6, Dias 6, Zinchenko 5; Bernardo Silva 5.5 (64′ Fernandinho 6.5), Gundogan 5.5, Foden 6; Mahrez 5, De Bruyne 5.5 (60′ Gabriel Jesus 5.5), Sterling 5 (77′ Aguero s.v). All. Guardiola.

CHELSEA (3-4-2-1): Mendy 6; Azpilicueta 7.5, Thiago Silva 6 (39′ Christensen 7), Rudiger 7.5; James 7, Kanté 8, Jorginho 6.5, Chilwell 7; Havertz 7.5, Mount 7.5 (80′ Kovacic s.v.); Werner 6 (66′ Pulisic 6.5). All. Tuchel.

Arbitro: Lahoz

Ammoniti: Gundogan (M), Rudiger (C), Gabriel Jesus (M)

Espulsi: nessuno