Saranno Francia-Argentina e Croazia-Danimarca gli ottavi di finale che hanno sancito i gruppi C e D del Mondiale di Russia.

Nel gruppo C infatti, la Francia, come previsto, pareggia con la Danimarca, in un match che ricorda quasi il ‘biscotto’ di qualche anno proprio tra Danimarca e la Svezia a scapito dell’Italia (quella volta fini con un pareggio 2-2), poiche’ questo risultato avrebbe garantito ad entrambe le nazionali il passaggio del turno. Infatti il match e’ stato un pareggio a reti inviolate, con i francesi che si sono resi piu’ pericolosi, soprattutto nel primo tempo. Nell’altro incontro del gruppo C il Perù trova la sua prima vittoria in questo mondiale battendo l’Australia che, nonostante avesse minime speranze di qualificazione, non e’ riuscita a fare risultato, anche se le statistiche raccontano di un match con il controllo del gioco australiano (53% di possesso palle e 14 tiri a 4 totali). Le reti peruviane sono state segnate una per tempo: Carrillo al 18esimo del primo tempo e Guerrero al 5′ della ripresa.

Nel gruppo D invece l’Argentina stenta contro la Nigeria, ma si qualifica grazie ad un gol a 4 minuti dallo scadere di Rojo. L’albiceleste si era portata in vantaggio nel primo tempo con un gran gol di Leo Messi, proprio l’asso più atteso in casa argentina. Vantaggio che pero’ era stato cancellato dal rigore realizzato da Moses, che aveva momentaneamente portato il pareggio e la qualificazione ai nigeriani.

L’Argentina deve comunque ringraziare la Croazia che nell’altra partita del gruppo D non ha perso contro l’Islanda, anzi l’ha battuta, raggiungendo quota ‘punteggio pieno’, a 9 punti. Vittoria per 2 reti ad 1, con gol del centrocampista della Fiorentina Milan Badelj al 53esimo, pareggio islandese di Sigurdsson al 76esimo (che stavolta non sbaglia il rigore come nel precedente turno contro la Nigeria) e gol dell’interista Ivan Perisic allo scadere.