Le qualificazioni ai prossimi campionati europei stanno ormai volgendo al termine, infatti dopo le partite di questa sera mancheranno solo altri due turni che si giocheranno nella sosta di novembre,dove verranno individuate le 20 squadre partecipanti a Euro2020,le altre 4 verranno fuori dagli spareggi di Nations League di fine marzo. Ricordiamo che in questa edizione non esistono squadre qualificate d’ufficio, in quanto sarà una competizione itinerante che non prevede nazionali ospitanti. Tuttavia se una nazionale si qualifica ed ha come sede una delle 12 città ospitanti, gli saranno garantite almeno 2 gare del girone nello stadio di “casa”. 

Città ospitanti:

  1. Roma
  2. Bucarest
  3. Londra (Finale)
  4. Bilbao
  5. San Pietroburgo
  6. Baku
  7. Dublino
  8. Glasgow
  9. Budapest
  10. Copenaghen
  11. Amsterdam
  12. Monaco di Baviera

Al momento sono solo 5 le nazionali già qualificate : Italia,Belgio,Ucraina,Polonia, Russia 

Italia

L’italia di Roberto Mancini è riuscita nel difficile compito di far dimenticare quello che era successo circa 2 anni fa’ con la mancata qualificazione al mondiale di Russia, vincendo fin qui tutte le partite del girone. Un’Italia giovane,fresca,nuova che gioca bene a cui manca però il campione che può risolvere la partita ,mancanza che in vista dell’Europeo dovrà essere compensata dalla grande organizzazione e dall’entusiasmo che porteranno le 3 gare che si giocheranno a Roma.

Punti di forza: Organizzazione, entusiasmo ritrovato

Punti deboli: Mancanza di un vero top player

Belgio

La prima nazionale ad essersi qualificata a Euro2020 è stata il Belgio di Martinez. Un attacco atomico quello dei Diables Rouges,che hanno segnato la bellezza di 30 goal e si candidano ad essere una delle nazionali protagoniste della competizione, con la speranza di non cadere ancora una volta sul più bello.

Punti di forza: Attacco,qualità della rosa

Punti deboli: Inesperienza della nazionale a stare ad altissimi livelli

Polonia

La Polonia del ct Brzeczek è una squadra tosta, magari non spettacolare ma che può colpire in ogni momento della gara, grazie all’enorme qualità offensiva.  Sbagliare pensare che la sia solo una squadra offensiva, la Polonia è equilibrata in ogni reparto e deve rifarsi dalla brutta figura fatta al mondiale .

Punti di forza: Attacco

Punti deboli: Discontinuità

Ucraina

La nazionale di Shevchenko è forse la vera sorpresa finora, qualificandosi davanti alla Serbia e soprattutto al Portogallo. Una grande organizzazione con alcune individualità di spicco sono i veri punti di forza della nazionale ucraina.

Punti di forza: Organizzazione

Punti deboli: Qualità della rosa

Russia 

Continua il periodo d’oro della nazionale Russa , guidata dal ct Cercesov, che cavalca l’onda dell’entusiasmo del mondiale giocato in casa 2 anni fa’, sopperendo alla scarsa qualità della rosa . Entusiasmo che ritroverà giocando almeno 2 partite a San Pietroburgo ,inoltre la Russia nel suo girone ha perso solo con la corazzata Belgio.

Punti di forza: Entusiasmo

Punti deboli: Qualità della Rosa