Questa settimana faremo il punto della situazione dei principali campionati dell’est Europa. Leghe che magari non catturano l’attenzione per la loro competitività,ma che mantengono un sapore antico , propongono sfide centenarie e storie affascinanti che vanno ben oltre il valore tecnico delle squadre.

Ovviamente partiamo dalla Serbia e dalla sfida che ha catturato l’attenzione di tutti i veri amanti del calcio, il derby eterno (Večiti derbi) fra Partizan e Stella Rossa. Sfida che negli anni ha visto molte battaglie in campo e fuori,che questa volta ha visto prevalere il Partizan per 2-0. Sfida equilibrata e maschia dove non sono mancati gli ammoniti (7) e gli espulsi (1),decisa nei minuti finali con un gran goal da fuori area di Soumah al minuto 83 e da Tosic nel recupero. Partizan e Stella Rossa che forse distratti dagli impegni europei lasciano il primo posto,dopo 9 partite, alla sorprendente neopromossa Backa Topola seguita dal Vojvodina e dal Cukaricki altra squadra di Belgrado.

In Croazia (9° giornata) ,dopo la scorpacciata di goal in Champions League contro l’Atalanta perde la Dinamo Zagabria fuori casa contro il Nk Varazdin (1-0) e lascia il primato a 3 lunghezze di distanza all’Hajduk vittorioso in casa 3-1 contro l’Inter Zapresic . In Romania si dividono il primato con 21 punti dopo 10 giornate,il Cfr Cluj che impatta 0-0 nel big match contro il FCSB ,e il Viitorul che vince seppur soffrendo 2-1 contro il Poli.Iasi . Stridono il nono e il decimo posto di FCSB Dinamo Bucarest. In Bulgaria dopo 10 giornate comanda il solito Ludogorets seguito a un punto dal Levski Sofia ,più distante il Cska Sofia al quarto posto.

Superiamo il Danubio e passiamo in’Ucraina ,dove il dominio è pressoché totale dello Shakhtar Donetsk vittorioso nella sfida contro il Desna secondo in classifica, e porta il suo vantaggio a +10 dopo sole 8 giornate, e soprattutto a + 13 sulla Dinamo Kyiv che comunque travolge 5-0 in trasferta il malcapitato Vorskla Poltava. In Russia in quello che forse è il campionato più seguito fra questi citati, dopo 10 giornate ,vede in vetta il duello fra lo Zenit (23 punti),dilagante nel match in casa contro il Rubin Kazan ,5-0  il risultato finale, e il Cska (22 punti) vittorioso 3-2 nella difficile sfida contro il Krasnodar ormai solida realtà. Quarta ma a soli 3 punti dalla vetta la Lokomotiv, avversaria della Juventus in Champions League, che vince 3-2 in trasferta a Orenburg . Male ,anzi malissimo le altre due moscovite ,Spartak sconfitto a Ufa 1-0 e nono in classifica e la Dinamo che cade al 90° contro il PFC Sochi. 

Torniamo più a ovest in Repubblica Ceca ,anche qui è derby ,Sparta-Slavia.Vittoria 3-0 in trasferta dei biancorossi,a coronamento di una settimana perfetta, dopo il pareggio in Champions League contro l’Inter di Conte, e vola a +3 dopo 10 giornate sul Viktoria Plzen. In Slovacchia primo dopo 9 giornate è lo Zilina tallonato a un solo punto dallo Slovan Bratislava, mentre in Polonia (9 giornate)nella bagarre (ben sei squadre in sei punti) ,è primo il Pogon Szczecin . In Slovenia sembra l’anno buono per l’Olimpia primo,mentre in Ungheria comanda a sorpresa il Fehevar dopo sei giornate. Ferencvaros terzo, mentre tristemente al penultimo posto con soli tre punti lo storico Honved di Budapest allenato da Sannino.

In Albania alla quinta, il Kukesi raggiunge in vetta alla classifica il KF Tirana battendolo 2-1 nello scontro diretto. Skanderbeu terzo a un punto da entrambi e vittorioso 1-0 contro il Teuta Durres.

Squadre top della settimana:

Partizan e Backa Topola (Serbia),Slavia (Rep.ceca),Zenit (Russia),Dinamo Kyv (Ucraina), Kukesi (Albania)

Squadre Flop della settimana:

Dinamo Zagabria (Croazia),Dinamo e Spartak (Russia),Stella Rossa (Serbia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *