Non è certo un gran bel momento questo per Mattia Perin, giunto la scorsa estate alla corte di Allegri dopo cinque ottime stagioni vissute al Genoa.
Perin, distintosi sotto la Lanterna come uno dei più promettenti giovani numeri 1 nostrani, ha esordito in Nazionale maggiore appena 22enne, nel novembre 2014, contro l’Albania, gestione Conte, sostituendo nel secondo tempo Salvatore Sirigu. Nel giugno 2018 la sua seconda presenza in azzurro, stavolta da titolare, contro l’Olanda.
Ai nastri di partenza della stagione, dopo l’addio del mito Buffon, Mattia si presentava con l’ambizione di contendere il ruolo di titolare tra i pali al polacco Wojciech Szczesny. L’annata si è rivelata ampiamente al di sotto degli auspici in termini di presenze e per giunta è stata interrotta forzatamente dall’infortunio alla spalla con il conseguente intervento, lo scorso aprile.
Eppure, sebbene sia fermo ai box, le indiscrezioni di mercato fanno parlare insistentemente anche di lui.

Tutte le strade portano a Roma

Come si sa nella Capitale, sponda giallorossa, è stato l’anno della scommessa Olsen, in tutta evidenza non andata come i dirigenti della Roma speravano.
Dopo l’ennesima prestazione non convincente, in cui l’estremo difensore svedese ha evidenziato alcuni precisi limiti tecnici, la difesa dei pali è stata affidata da Mister Ranieri ad Antonio Mirante, classe 83, al suo primo anno in giallorosso passato da riserva a titolare.
A Roma stanno cercando un’alternativa valida su cui puntare per il futuro e l’esperienza recente induce i dirigenti di Pallotta a rivolgere lo sguardo sui tanti talenti che offre il nostro Paese.
Ecco dunque spuntare il nome di Mattia Perin, che verosimilmente potrebbe essere disposto a giocarsi una nuova chance e che, almeno sperano a Roma, potrebbe arrivare con qualche risparmio rispetto alla valutazione di un anno fa. Inoltre il nome di Perin figurerebbe nella lista dei desideri di Giampiero Gasperini, col quale ha condiviso le prime tre stagioni al Grifone e di cui è pupillo, che voci sempre più insistenti avvicinano alla panchina giallorossa.
Ma a Torino non faranno sconti e la richiesta si aggira sui 25 milioni, anche se dalle indiscrezioni giunte alla nostra redazione sembra si possa ragionevolmente chiudere attorno ai 20 milioni.
Affare fatto dunque? Non proprio, perché la Roma non è l’unica ad avere manifestato il suo interesse per il ragazzo. Da Milano, per esempio, giungono voci di proposte allettanti di un grande club europeo per Gianluigi Donnarumma. Se il Gigione nazionale, da molti considerato l’erede designato di Buffon, dovesse accasarsi altrove si avvierebbe un effetto domino che potrebbe portare proprio Perin in rossonero.
Non è certo la migliore stagione per Mattia, né la convalescenza dopo l’intervento può rallegrarlo, ma certo non mancano gli estimatori e le sirene.