Per meriti tecnici e sportivi, grazie ai risultati ottenuti da un anno e mezzo a questa parte, Claudio Ranieri non è in discussione per il ruolo di allenatore della Sampdoria, ma comunque ci saranno altri motivi dietro il ritardo sul suo rinnovo e allora la Sampdoria pensa ai sostituti.

L’allenatore ex Roma e Leicester fu scelto per il ruolo di tecnico della Sampdoria, ad Ottobre 2019, quando Di Francesco ottenne solamente 3 punti in 7 giornate. Ranieri lo scorso anno ottenne una salvezza con 4 giornate di anticipo, mentre quest’anno questo stesso obiettivo non è mai stato in discussione, facendo pensare, per un attimo, di poter ambire al settimo posto. Però questo non basta a Ferrero a confermare l’allenatore romano, infatti il patron blucerchiato starebbe pensando a dei cambi radicali a partire dalla dirigenza fino alla panchina.

Infatti Ranieri non è l’unico ad avere il contratto in scadenza a fine stagione, ma anche il direttore sportivo Carlo Osti e il responsabile dello scouting Riccardo Pecini. Il nome dell’allenatore potrebbe essere anche legato al Direttore Sportivo che andrà a sostituire Osti. Infatti se il prossimo direttore sportivo della Samp dovesse essere Faggiano, il mister potrebbe essere D’Aversa, stesso discorso con Vagnati e Semplici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO>>> Calciomercato Sampdoria, occhi in serie B: seguiti due dell’Empoli

Sampdoria, per il post Ranieri c’è anche un Campione d’Europa

 

È lunga la lista dei nomi fatti per sostituire Ranieri, infatti sembra ci siano stati dei contatti superficiali anche con Allegri e Sarri. Sono molti i tecnici contattati dal presidente Ferrero: Juric, Italiano, Maran e Gotti, oltre ai sopra citati D’aversa e Semplici. Ma i nomi più concreti, con i quali c’è stato un incontro fisico, sono: Paolo Zanetti, allenatore del Venezia; e Dejan Stankovic, vincitore della Champions League con l’Inter da calciatore e attuale allenatore della Stella Rossa di Belgrado, con la quale ha già vinto un campionato e si appresta a vincere il secondo. L’allenatore serbo sembra l’indiziato numero uno a sostituire Ranieri, nel caso in cui non dovesse rinnovare.