Stanotte, alle ore 4:05, la Roma ha affrontato il Barcellona in amichevole per l’International Champions Cup.

Benché queste siano partite di nulla importanza, la vittoria è sempre gradita nel mondo del calcio. La Romaè riuscita a imporsi sui blaugrana per 4-2. I giallorossi avrebbero voluto evitare il gol dell’acquisto mancato, scippato proprio dal Barcellona, Malcom, ma non ci sono riusciti. Quest’ultimo ha segnato il gol del momentaneo vantaggio (2-1) per una scarsa attenzione in fase di marcatura difensiva. Nonostante ciò, la Roma è riuscita a ribaltare la situazione, segnando ben tre gol in meno di dieci minuti.

Queste le reti della partita:

6′ Rafinha (Barça), 35′ El Shaarawy (Roma), 49′ Malcom (Barça), 78′ Florenzi (Roma), 83′ Cristante (Roma), 86′ rig. Perotti (Roma)

A fine partita l’allenatore Di Francesco ha rilasciato una breve intervista sulla partita e non solo: “Malcom? E’ un ottimo giocatore, se lo ha preso il Barcellona vuol dire che anche noi ci avevamo visto lungo. Io sono contento di quelli che ho, se lui ha scelto il Barcellona non possiamo farci niente. Il mercato? Penso che non dovremo affollare la rosa, dobbiamo lavorare con intelligenza. Il direttore Monchi non dorme, sta lavorando tantissimo. Ci stiamo guardando intorno per migliorare la rosa ma gran parte della squadra c’è. Non voglio avere 30 giocatori, altrimenti diventa complicato“.

Le parole di Pallotta

James Pallotta, presidente della AS Roma, ha rilasciato dichiarazioni su più fronti ai giornalisti ubicati a Dallas.

Sul caso Malcom e, contestualmente, il problema esterno destro: “Malcom? Ne ho già parlato, si è trattato di una cosa poco etica. Se il presidente del Barcellona ha parlato con Monchi? Ci ho parlato. Sulla carta questa è la migliore squadra che abbiamo mai avuto, almeno sulla carta. Siamo migliorati in alcuni ruoli. Schick è tornato, Karsdorp pure, Pellegrini e Under hanno un anno di esperienza in più, con Pastore, Marcano, Cristante, Kluivert… Abbiamo ancora cose da fare. L’ala? Non ne abbiamo bisogno. Nel caso di Malcom avevamo trovato una buona occasione, ci piaceva, era un’opportunità”.

Il patron ha poi rilasciato altre dichiarazioni in merito alle mosse di calciomercato. In breve, sembrerebbe ormai sfumato il possibile arrivo di un esterno destro secondo Pallotta, che ha parlato così: “Non andremo a spendere un sacco di soldi giusto per spenderli. È una cosa che non ha senso. Non dobbiamo andare e comprare per forza un’ala destra“.

In più, lo stesso Pallotta ha dichiarato con orgoglio di avere la rosa più forte dal suo arrivo. D’altronde come dargli torto: questa sessione di mercato ha riempito i buchi rendendo la rosa completa e di qualità.

Situazione calciomercato

Con le parole di Pallotta, dunque, sembrerebbe ormai essersi allontanato l’arrivo di un esterno destro, dopo la beffa di Malcom e del Barcellona.

La società, dunque, sembrerebbe volersi concentrare su un centrocampista – un mediano – di peso, che sia in grado di recuperare palloni ed impostare. De Rossi, infatti, andrebbe gestito con intelligenza e parsimonia avendo ormai 35 anni; un degno sostituito, quindi, sarebbe la pedina che completerebbe definitivamente la rosa.

Il profilo più ricercato, nonché quello più interessante, è N’Zonzi: centrocampista francese laureatosi campione del mondo agli ultimi Mondiali.

Lo stesso Pallotta ha dato il via libera all’acquisto del giocatore definendolo “una bestia”. A Roma l’aria è positiva in quanto il club ha già un accordo con il giocatore – un contratto quadriennale da circa 3,5 milioni a stagione -. Bisogna ricordare, inoltre, che il francese ha una clausola rescissoria di 35 milioni. Il club giallorosso, però, è fiducioso di poter abbassare il costo del cartellino a circa 25-28 milioni di euro, dati i buoni rapporti tra il Siviglia – l’attuale club del giocatore – e il Ds Monchi.

Per garantire l’arrivo del 29enne francese, però, sarebbe necessaria la partenza di un centrocampista. L’indiziato numero uno è Gonalons che non è riuscito a convincere l’allenatore. Il giocatore ha ricevuto alcune offerte dalla Premier League, ma sembrerebbe averle rifiutate. A giorni la situazione dovrebbe essere più limpida e si saprà chi sarà la pedina mancante che Monchi vorrà regalare al tecnico giallorosso.