Finalmente ci siamo, è praticamente cosa fatta il rinnovo del numero 24 giallorosso, che sta per dichiarare amore eterno alla squadra capitolina. Dopo aver rifiutato alcune offerte, Alessandro Florenzi sembra aver preso una decisione, quella di continuare la sua carriera nella squadra che lo ha lanciato nel calcio che conta. Si parla di un rinnovo fino al 2023, il giocatore ha accettato l’aumento di 100 mila euro rispetto all’offerta precedente. Percepirà 2.8 milioni netti più bonus a stagione per cinque anni.

Il centrocampista

La Roma sta lavorando anche per quanto riguarda il mercato in entrata e in uscita. I profili mancanti nella rosa giallorossa sembrerebbero essere un centrocampista che possa alternarsi con il capitano Daniele De Rossi e il tanto atteso esterno a destra. I nomi accostati alla rosa giallorossa sono molti, per quanto concerne il centrocampo si sta parlando molto del centrocampista del Siviglia Steven N’Zonzi, con il quale sembrava esserci un’accordo, smentito dal Ds della squadra spagnola che ha dichiarato di non aver mai avuto contatti con il Ds Monchi. In alternativa a N’Zonzi si è parlato del promettente mediano classe ’96 del Lione Tanguy Ndombele,  per il quale la società è intenzionata a negoziare partendo da una base di 40 milioni, ma anche questa ipotesi sembrerebbe destinata a sfumare dopo le parole del presidente dell’ OL, che ha espressamente commentato la notizia in questione: “Non penso che la Roma possa farcela”

L’esterno “mancino”

Anche per quanto riguarda l’esterno di destra i nomi citati sono molti, il profilo richiesto da Di Francesco è di piede mancino che possa rientrare e calciare in porta, Suso resta una pista interessante, ma l’obiettivo della Roma è Neres il classe ’97 dell’ Ajax, per il quale quest’ultima chiede 50 milioni di euro. La trattativa è tutt’altro che semplice, perché l’Ajax non ha intenzione di cedere un altro gioiellino alla Roma dopo Kluivert e poi perché il prezzo richiesto dalla società olandese non rispecchia le volontà economiche della societa’ capitolina. Quest’ultima proverà a fare leva sull’ingaggio del giocatore, raddoppiandolo rispetto a quello attuale.