Il centravanti della Roma può partire, questa è l’idea che sta passando per la dirigenza giallorossa.

La squadra della capitale si ritrova in condizioni di dover valutare il possibile addio del capitano Edin Dzeko per salvare il bilancio. Infatti il giocatore percepisce uno stipendio annuale di 7,5 milioni netti, decisamente troppi da sostenere in vista di un bilancio in rosso di oltre 100 milioni dovuti alla crisi economica prevista per il coronavirus.

3 opzioni

Le varie opzioni che sta valutando la dirigenza giallorossa sono principalmente tre: La prima sarebbe quella di richiedere una riduzione dell’ingaggio al giocatore, comportamento da tenere come esempio per i compagni ai quali potrebbe essere richiesto un simile trattamento. La seconda opzione riguarda la possibilità di spalmare il contratto che anzichè finire nel 2022 andrebbe a scadere nel 2023, compresa di riduzione dell’ingaggio. La terza opzione è quella di liberare il calciatore con una rescissione consensuale, per cui il giocatore sarebbe libero di aggregarsi a una nuova squadra a costo 0, rinunciando all’ingaggio rimanente del suo contratto.

Il futuro del calciatore è incerto e le possibili squadre interessate a lui sono Inter e Real Madrid, ma bisognerà aspettare la fine di Maggio per ulteriori informazioni.