Il Milan sta vivendo un periodo di forma invidiabile, forse il migliore della stagione, staziona in piena zona Champions al quarto posto solitario, mette il fiato sul collo ai cugini interisti e si coccola i suoi giocatori mai così integrati nei meccanismi di mister Gattuso che da buon padre di famiglia riesce a far crescere i suoi giovani tenendoli coi piedi ben saldi a terra.

A giovare maggiormente di questo clima di serenità è senza dubbio il giovane portiere Gigi Donnarumma, autore di prestazioni maiuscole ed in vero e proprio stato di grazia. Se il Milan si trova nell’attuale posizione in classifica buona parte dei meriti sono da imputare alle manone del ragazzo sul quale però in questi giorni tornano a rincorrersi notizie legate al rinnovo del contratto. Al momento le indiscrezioni che ci arrivano sono quelle di una totale assenza di intenzioni a sedersi al tavolo delle trattative in tempi brevi.

L’entourage del ragazzo, capitanato dal volpone Mino Raiola, e la società Milan al momento rimangono distanti e la loro mossa da’ adito ai pensieri più disparati in merito alla permanenza in rossonero di Donnarumma. Da un lato si può interpretare un simile comportamento come una semplice strategia studiata ad oc per strappare le migliori condizioni contrattuali possibili, mentre dall’altro – ed è l’ipotesi che sostengo – si vuole al momento accantonare il discrso per lasciare tranquillo il ragazzo in una fase così impegnativa come quella del girone di ritorno di campionato durante il quale il Milan dovrà essere bravo a rimanere concentrato evitando qualsiasi spiffero che arrivi dall’esterno.

In fondo Donnarumma ha soli 20 anni ed abbiamo potuto constatare le difficoltà di concentrazione che aveva il ragazzo nei momenti in cui veniva accostato a questa o all’altra squadra, spesso senza fondamento alcuno. In certi periodi della scorsa stagione erano state addirittura messe in discussioni le doti del portiere reo di essersi accasciato o di voler andare altrove, mentre probabilmente aveva soltanto bisogno di essere lasciato in pace e lontano dai riflettori.

Crediamo ci sarà tempo, modo e luogo per sedersi con calma intorno ad un tavolo ed affrontare il discorso e la convinzione un po’ di tutti è che la nuova linea manageriale rossonera voglia proseguire i rapporti con Donnarumma siccome non è mai stata nascosta la missione di puntare sui giovani di qualità per poter tornare ai fasti del passato in tempi ragionevoli, ma come in tutte le belle fiabe si nascondono delle insidie e le stesse sono sempre dietro l’angolo perchè avere come procuratore un certo Mino Raiola che una ne fa e cento ne pensa non permette di dormire tranquilli con entrambi gli occhi chiusi.