Oggi parte una tre giorni destinata a rivelare quella che sarà la stagione del Milan. Dovrebbe arrivare nel tardo pomeriggio la sentenza del TAS che ammetterà o escluderà definitivamente i rossoneri dall’Europa League, dopo il ricorso presentato qualche settimana fa. Inevitabilmente questa decisione avrà un peso specifico anche sulle scelte di mercato: una eventuale riammissione porterebbe una crescita nel budget grazie agli introiti derivanti dalla partecipazione, la necessità di pensare ad una rosa in grado di sostenere il peso delle tre competizioni, ma soprattutto una sferzata generale nel morale dell’ambiente e di quei giocatori comprensibilmente dubbiosi riguardo al futuro.

Sono di ieri le voci che avvicinano Donnarumma al nuovo Chelsea di Sarri e Bonucci al Paris Saint Germain di Buffon. Sarebbero addii dolorosi per molti tifosi, ma in un certo senso potrebbero aiutare a ripartire, portando un tesoretto e soprattutto un grosso risparmio sugli ingaggi. Tesoretto che si aggiungerebbe a quello relativo alle ormai certe cessioni di Bacca e Kalinic, per definire la rosa della nuova stagione.

Se queste prospettive dovessero avverarsi, non sarebbe del tutto fantasioso ipotizzare un doppio scambio: Bonucci a Parigi per Thiago Silva più soldi, André Silva a Monaco in un giro di prestiti che potrebbe portare Falcao in rossonero. I profili di Ceballos e Max Meyer potrebbero poi essere quelli ideali per puntellare il centrocampo, lasciando comunque il budget per puntare ad un colpo che possa scaldare il cuore dei tifosi. Sono usciti i nomi di Higuain e Morata, di Immobile e del ‘solito’ Belotti, ma c’è da scommettere che potrebbero spuntare anche altri profili.