Il Milan sbanca Genova e mantiene ben saldo il timone del primo posto in classifica tenendo distanti le dirette inseguitrici, sono cinque i punti di vantaggio da un Inter arrembante che sta trovando continuità dopo un avvio stentato. Difficile trovare punti negativi di questo Milan, ieri l’età media era di 22 anni e 10 mesi, un record europeo di cui andare fieri, un unicum da prendere d’esempio e perseguire con indefessa costanza.

Rebic non è una prima punta

Rebic non è una prima punta, il croato anche ieri sera ha fatto a sportellate con chiunque, ha lottato come un leone appena uscito dalla gabbia, ma non è bastato. Il Milan ha assoluta necessità di una punta centrale in grado di dare il cambio a Zlatan Ibrahimovic.

Pur rischiando di risultare impopolari, lo svedese difficilmente potrà coprire tutte le partite da qui a fine campionato, non gli si può chiuedere uno sforzo simile, i suoi 39 anni non glielo consentirebbero ed i recenti acciacchi che sta subendo sono frutto di un utilizzo probabilmente non congruo con il suo fisico.

Maldini e Massara dovranno mettere mano al portafoglio, l’occasione di rimanere in vetta è troppo ghiotta per non agire con tempestività.