Le strade tra il Milan e Zlatan Ibrahimovic si separeranno alla fine di questo campionato, ormai dubbi non ce ne sono più. Lo svedese dopo il chiarimento con Gazidis ritiene di non avere più nulla a che fare con questa dirigenza che non considera “da Milan” e, nonostante sia tornato in Italia per amore del club, la strada sembra tracciata. Ibra vuole tornare a giocare quanto prima e recuperare quindi dall’infortunio al polpaccio in tempi record cercando di portare il Milan in Europa, poi ci saranno i saluti.

Ritorno in Svezia

La decisione di Ibrahimovic sarà quella di un ritorno in Svezia e precisamente nell’Hammarby, squadra di cui è comproprietario. Lo svedese giusto domenica ha effettuato un blitz a Stoccolma per assistere all’esordio del club in campionato, secondo quanto viene riportato da Sport Bladet. Questo particolare coinvolgimento fa pensare che sotto ci sia qualcos’altro e che appunto dal prossimo anno Ibra voglia aiutare concretamente la squadra a fare bene con la sua presenza in campo. Lo svedese è perfettamente consapevole che ha un’età che non gli permette di giocare sempre titolare in un campionato come quello italiano e l’acciacco al polpaccio probabilmente gli ha fatto capire che non è più il caso di pretendere troppo stress dal suo corpo, per questo che avrebbe ponderato di giocare ancora un anno o due, ma in un torneo decisamente meno traumatico e pressante.