Il Milan è sul mercato per trovare un attaccante che sappia dare respiro a Zlatan Ibrahimovic, le condizioni dello svedese sono in netto miglioramento e si spera di vederlo in campo già contro la Juventus, ma è altrettanto vero che la seconda parte di stagione sarà fitta di impegni e le ben solide spalle dell’attaccante classe 1981 difficilmente potranno reggere il peso di così tante sfide ravvicinate, nè sarebbe saggio pretenderlo.

Si parla moltissimo in questi giorni di Luka Jovic, attaccante in forza al Real Madrid in odore di trasferimento ormai da un bel po’ di mesi a causa dei rapporti non proprio ottimali con l’allenatore e di un suo scarso utilizzo in campo.

La situazione

Andiamo ora a fare chiarezza sull’intera situazione. Noi di Calcio Style finora abbiamo smentito che l’operazione potesse andare in porto per tutta una serie di motivi, primo tra il quale il prezzo pagato da Florentino Perez per acquistare l’attaccante serbo nel 2019 dall’Eintracht Francoforte, ben 60 milioni di euro.

Di certo il presidente dei Blancos non accetterebbe mai dal Milan una cifra di 35-40 milioni per non dover monetizzare una copiosa minusvalenza, nè tantomeno i rossoneri sarebbero disposti a tirare fuori così tanto denaro nel mercato di gennaio di solito scevro da grosse spese.

Prestito secco

L’unica soluzione, a nostro parere, potrebbe essere quella del prestito secco, una sorta di “parcheggio” del talentuoso attaccante in quel di Milano proprio nella speranza di vederne migliorate le prestazioni al fine di riportarlo in terra spagnola ed eventualmente rivenderlo senza rimetterci troppo. Il Milan, dal canto suo, potrebbe avere la copertura in attacco che sta cercando con l’eventualità – come farà con Brahim Diaz – di discutere con il Real Madrid più avanti di possibili altri scenari.

Al momento ogni altra soluzione riteniamo sarà complicata.