Il mercato del Parma sta entrando sempre di più nel vivo: le ultime partite stanno dando importanti segnali sia alla società che a Faggiano. Alcuni giocatori, infatti, non stanno convincendo a pieno, e per questo potrebbero cambiare aria a fine stagione.

Uscite:

Il capitolo uscite è sicuramente una parte complessa da analizzare: molti sono i prestiti infatti che il Parma dovrà decidere se riscattare o meno. Su tutti vi è quello di Caprari, di proprietà della Samp, che fino ad ora non ha sicuramente lasciato il segno. Per quanto riguarda Kulusevski, la sua partenza è già sicura, e sarà proprio il suo sostituto il mister x tanto atteso. Stesso discorso per Regini, anche lui in prestito dalla Samp, per il quale la permanenza è molto improbabile.

La possibile cessione più discussa è sicuramente quella di Gervinho, cercato dal Benevento e da altre squadre estere. Sappiamo che per l’Ivoriano, la permanenza a Parma non è una priorità (lo ha dimostrato questa estate), e in caso di una offerta allettante, anche la società potrebbe pensare di privarsene. Anche per Inglese, da mesi infortunato, sembrano esserci offerte importanti (Benevento e Wolves)

Entrate:

Il capitolo entrate è anch’esso difficile da immaginare, dato che Faggiano non è nuovo a colpi a sorpresa (Kucka-Alves-Gervinho). Su tutti ci sarà da sostituire Kulusevski, e il nome più caldo è sicuramente quello di Lozano. L’ala messicana non sarà affatto una operazione facile, ma i buono rapporti fra i partenopei e i crociati potrebbero facilitarla. Altro nome per l’attacco è Falco, attualmente a Lecce. Pallino di Faggiano, per lui la strada sembra più aperta, soprattutto in caso di retrocessione per il suo Lecce. Non da sottovalutare l’asse con l’Atalanta, con il quale già in passato si è lavorato molto (Kulusevski su tutti): Traoré, Tameze e Colley i nomi più caldi. Per il primo, l’operazione sembra già ben avviata. Anche con l’Inter non sono da escludere operazioni: Biraghi Esposito sono nomi in uscita che il Parma tiene sott’occhio.