La campagna abbonamenti della lazio è iniziata in maniera sorprendentemente positiva,in due soli giorni sono state sottoscritte duemila tessere,sembra essere tornati all’era pre-lotito quando nn c’erano ancora spaccature tra la tifoseria per chi era contro e chi a favore del modo di gestire la società da parte del presidente,sembra solo un brutto ricordo la situazione creatasi due anni fa quando il presidente e alcuni giocatori citofonarono a casa ai primi 11 abbonati per ringraziarli della fiducia concessagli.

Questa nuova aria che si respira dalle parti di Formello,dove sembra essere tornato il sereno,deve essere motivo per continuare a crescere sotto tutti gli aspetti.

Il presidente Lotito in questi giorni non fa altro che ribadire che sta cercando di allestire una squadra competitiva che lotterà per la Champions,cercando di non ripetere il finale della scorsa stagione dove la lazio è stata beffata all’ultima giornata nello scontro diretto con l’inter,complice anche qualche svista arbitrale durante la stagione che hanno tolto punti e certezze ai giocatori biancocelesti.

Gli introiti della champions league avrebbero dato un nuovo slancio al mercato,che invece è stato affidato alle solite intuizioni del ds Igli Tare.

A parte la cessione ormai prossima all’ ufficialità di Felipe Anderson,oggi si registra la volontà del presidente Lotito di fare un tentativo per provare a convincere Milinkovic Savic a rimanere un altro anno alla lazio,per fare il definitivo salto di qualità in un ambiente che lo ha sempre coccolato e che lo ama incondizionatamente senza il rischio di bruciarsi in una società più grande che avrebbe meno pazienza e al primo errore non lo aspetterebbe.

Il mercato in uscita registra anche un interessamento del Fenerbahce per Radu ma che si chiuderà con un nulla di fatto visto che il rumeno ormai è una bandiera della squadra capitolina e si appresta ad iniziare la sua undicesima stagione con l’aquila sul petto.

Da monitorare la situazione di Patric che sembra non rientrare più nei piani di Simone Inzaghi,complice anche il mancato rinnovo sul contratto con scadenza 2019,causa anche la rottura dei rapporti con il suo procuratore Calenda,deteriorati dalla vicenda keita,lo spagnolo rischia di non partire neanche per il ritiro di Auronzo di questa sera.

Il mercato in entrata invece resta concentrato sul sostituto di Felipe Anderson e registra una frenata per il brasiliano del Bruges Wesley,con Tare che riflette nello spendere 13-14 milioni per il vice Immobile quando si hanno altre priorità come il già citato sostituto di felipe e un vice Leiva tanto invocato da Simone Inzaghi,che aspetta un rinforzo in quella zona di campo ma arriverà solo dopo la doppia cessione di cataldi(interesse di empoli e frosinone) e di gennaro(parma),avendo ancora caicedo in rosa,nei prossimi giorni se ne saprà di piu.Da domani si comincerà a lavorare ad auronzo di cadore,allo stadio zandegiacomo,dove è tutto già pronto ad accogliere la squadra e i propri tifosi.

Di Manuel Mauceri