In casa Juventus si pensa al futuro, soprattutto per quanto riguarda il reparto difensivo. Oltre a seguire da tempo Matthijs de Ligt, difensore diciannovenne capitano dell’Ajax e nel giro della nazionale olandese, ed avere un’opzione di riscatto su Giangiacomo Magnani, centrale classe 1995 che sta ben figurando nel Sassuolo, secondo quanto riporta Tuttosport, nell’agenda di Paratici è stato inserito un nome nuovo, Jean-Clair Todibo, difensore classe 1999 del Tolosa.

Todibo, il “nuovo Manolas”

Sicuramente la retroguardia bianconera è stata, ed è, una delle migliori nel panorama europeo (tanto da poter fare scuola ad Harvard secondo Mourinho). Bonucci, Barzagli, Chiellini (la cosiddetta BBC) nel passato recente sono stati un vero e proprio muro, difficilmente superabile per chiunque. Tuttavia l’età avanza e nella rosa di Allegri l’unico under 30 in difesa è Rugani, che fatica ancora a trovare spazio, spesso anche come prima alternativa. Con un Barzagli trentasettenne in scadenza nel 2019 ed un Chiellini trentaquattrenne in scadenza nel 2020, è necessario quindi pensare alla difesa del futuro, anche perché non sarà facile rimpiazzare questi giocatori. La Juve allora guarda in Francia, dove il nome nuovo è quello di Todibo, difensore francese diciottenne del Tolosa, che secondo alcuni addetti ai lavori potrebbe essere il “nuovo Manolas”. Todibo infatti, nonostante sia alto 190 cm, è dotato di buona tecnica e velocità e all’occorrenza può essere impiegato anche come mediano davanti alla difesa. In questa stagione il calciatore ha collezionato 10 presenze e 1 gol ma è pronto a diventare un vero e proprio crack. Ad attirare l’attenzione della Vecchia Signora è soprattutto la condizione contrattuale del ragazzo: non ha ancora un contratto da professionista e l’attuale accordo scade nel Giugno del 2019. L’entourage del giovane difensore inoltre continua a rifiutare ogni proposta di rinnovo e questo fa ben sperare la Juve. Sul giocatore ci sono però anche altre importanti società europee come Liverpool, Borussia Dortmund, Lipsia e Lione. Tuttavia Paratici si è mosso con largo anticipo e la società bianconera potrebbe ingaggiare il giocatore anche a parametro zero.

Paratici ancora vigile su Dembélé

Per quanto riguarda il centrocampo, come riportato alcuni giorni fa, la Juve rimane pronta a cogliere le occasioni che offrirà il mercato internazionale di Gennaio. Oltre a Rabiot, la società bianconera rimane vigile sulla pista che porta a Dembélé, anche se quest’ultimo ha si è infortunato in maniera piuttosto seria nel penultimo turno di Premier League e rientrerà solo all’inizio del 2019. Il centrocampista belga del Tottenham è in scadenza di contratto il prossimo Giugno, senza opzione di rinnovo. Qualora Emre Can non riuscisse a rientrare a pieno regime dopo il recente intervento alla tiroide, Paratici quindi è già pronto a rinforzare la mediana bianconera con un innesto di caratura internazionale: Mousa Dembélé.