L’Inter, si sa, sta portando avanti un mercato mirato per completare la rosa e sopperire alle mancanze tecniche e numeriche degli anni scorsi.

La suggestione Modric

L’allenatore nerazzurro, Spalletti, una in mente di rivoluzionare il centrocampo. Dopo l’acquisto di Nainggolan dalla Roma, Ausilio sta provando a regalare al tecnico toscano un altro centrocampista esperto e di caratura internazionale: Arturo Vidal. Sebbene la trattativa non sia stata chiusa, l’arrivo del centrocampista cileno è ormai probabile.

Intanto, in attesa di risvolti positivi per l’affare, la dirigenza nerazzurra avrebbe l’idea di provare a strappare Luka Modric dal Real Madrid.

Come detto si tratta di una suggestione: l’affare è molto poco probabile in quanto la società di Milano, sottoposta al Financial Fair Play (FPF), avrebbe non poca difficoltà a prelevare uno dei migliori centrocampisti al mondo; il costo del cartellino è molto elevato – 70 milioni circa -, l’ingaggio è oneroso – 11 milioni circa -. In più bisogna tener conto dell’età del giocatore: 32 anni; questo significa che il costo di ammortamento andrebbe ad incidere di molto sul bilancio nerazzurro.

L’affare sembrerebbe, dunque, ai limiti dell’impossibile per una società che, fino ad adesso, ha acquistato a parametro zero e con formula ‘prestito con diritto di riscatto’.

A confermare la nostra teoria sono anche i bookmaker: Sisal Matchpoint ha abbassato la quota di Modric all’Inter da 10,00 a 6,00.

Certo, il colpo CR7 dimostra che nulla è ormai impossibile, ma si sta comunque parlando di società diverse con bilanci e ambizioni differenti.

La firma di Vrsaljko


Ormai è ufficiale: Sime Vrsaljko è un nuovo giocatore dell’Inter.

Il giocatore stamani ha svolto le classiche visite mediche iniziate attorno alle 11:15. Appena concluse, si è recato presso la sede del suo nuovo club per firmare il contratto che lo legherà ai nerazzurri fino al 2023.

I nuovi acquisti Rosà e Bassi

L’Inter sta dimostrando interesse non solo per la prima squadra ma anche per la sua primavera: nella giornata odierna, infatti, è stato depositato in Lega il contratto di Simone Bassi, difensore classe 2002; il giocatore arriva a titolo definitivo dall’Udinese. Ieri, invece, è stato depositato il contratto di Alessandro Rosà, attaccante classe 2002 in arrivo dall’Enotria.

Perisic al Manchester United?

Ormai è chiaro, Mourinho apprezza particolarmente il giocatore croato da diverse stagioni. Già nello scorso calciomercato ha cercato di strapparlo ai nerazzurri con esito negativo.

Tutto sarebbe partito dalle scintille tra il tecnico portoghese e Martial, attaccante dello United. Quest’ultimo, infatti, non si è presentato alla Tournée americana – ICC – in seguito alla nascita del suo secondo figlio. Nonostante ciò, è da ormai una settimana che lo stesso continua a non presentarsi agli allenamenti, provocando l’ira di Mourinho che, si sa, ha un carattere tutt’altro che semplice.

Il club starebbe pensato ad una multa di ben 200.000 sterline e, in accordo con il tecnico, starebbe valutando la cessione. La valutazione del giocatore si aggirerebbe attorno ai 70 milioni di euro, cifra non lontana da quella chiesta dai nerazzurri per Perisic.

L’acquisto, dunque, sembrerebbe fattibile, tempi permettendo. Già, perché il mercato inglese termina il 9 agosto, dunque il club e il tecnico devono valutare in fretta il da farsi, con l’aggravante che, anche lo scorso anno, la trattativa per Perisic è stata lunga e complicata, per giunta senza un nulla di fatto.

A detta di Spalletti l’ala croata sarebbe incedibile, ma dinanzi ad una maxi offerta del genere – che porterebbe ad una grande plusvalenza, al momento davvero molto importante per il club – il tecnico, lo staff e la società tutta potrebbero pensare seriamente alla cessione.