Proseguono, imperterrito, le voci di mercato sull’ Inter. I nerazzurri dovranno costruire una squadra competitiva, sperando che avvenga anche quest ‘anno la qualificazione in Champions League. Il nodo rimane sempre quello dell’ attaccante ; nodo che è strettamente legato alla questione allenatore.

Icardi va o resta?

Quest’ anno attorno al numero 9 ne sono successe di tutti i colori. Difficile, se non impossibile, una sua permanenza a Milano con Spalletti allenatore. Ecco perché le due questioni sono strettamente legate. Se il tecnico di Certaldo non otterrà la qualificazione in UCL, impossibile che rimanga. Se invece otterrà la qualificazione, la sensazione è che Spalletti abbia molte più possibilità di rimanere sulla panchina nerazzurra rispetto a quante gliene dia la stampa. Al netto delle varie possibilità di rimanere o meno, i possibili sostituti nominati sono molti. Mourinho rimarrà probabilmente un sogno, Conte rimane la situazione più probabile, visti anche gli ottimi rapporti con Marotta. Con Conte comunque la permanenza di Icardi sarebbe comunque tutto tranne che scontata, visti i rapporti tesi con squadra e soprattutto tifosi. La sensazione è che, con 70 o più milioni, Icardi verrà ceduto. Per ora le pretendenti più accreditate sono le due squadre di Madrid e il Psg, mete gradite a Icardi&Wanda.

E se arrivasse Cavani?

L’ interesse parigino per Icardi sta rimbalzando in tutti i giornali, italiani e non. Il Psg è in cerca di un numero 9 per sostituire Cavani,probabile partente. Il Matador, in scadenza il prossimo anno, non é mai entrato in rapporti con la star della squadra parigina, ovvero Neymar. Una sua partenza è quindi probabile e qui si combacia con la situazione in casa Inter. Vedendo Icardi, l’ Inter rimarrebbe con un vuoto in attacco, difficilmente colmabile essendo pochi i giocatori a livello di Icardi. Probabilmente l’ Inter vuole affiancare a un prospetto di sicuro avvenire quale Lautaro Martinez, un centravanti di esperienza. Motivo per cui si era vociferato di Edin Dzeko. Cavani, classe ’87,allo stesso modo garantirebbe la stessa esperienza e anche un bottino di gol elevato. Un’ offerta da almeno 50 milioni più Cavani sarebbe il giusto compromesso nerazzurro per far partire il proprio numero 9.