La temperatura a Milano è gelida, sottozero, non solo di notte, ma anche nella sede rossonera. Siberiani, oseremmo dire, i rapporti tra Higuain e la dirigenza rossonera, in particolare con Leonardo. Pochi giorni fa il direttore generale dell’area tecnica milanista sull’attaccante argentino ha ribadito che non deve ascoltare il mercato e deve solamente darsi da fare, prendersi le proprie responsabilità e continuare a segnare.

Higuain evidentemete non sta bene al Milan, forse deluso dalla squadra, dalle potenzialità della stessa rispetto alle promesse fatte al momento del passaggio dalla Juve. Se potesse il Pipita correrebbe a passi velocissimi verso Sarri, verso Londra direzione Chelsea. Lo ha fatto capire chiaramente, tanto che il fratello agente Nicolas è a Londra per capire i ponteziali sviluppi dell’affare. Il Chelsea, di solito, non si propone acquisti importanti per giocatori over 30, ma in questo caso essendo forte il legame Sarri e Higuain, la società londinese aprirebbe alla possibilità dell’acquisto del giocatore alle stesse condizioni a cui era stato dato al Milan dalla Juventus: prestito con diritto di riscatto a 36 milioni.

La Juve, dal canto suo, di questo tipo d’offerta non è convinta: col Milan c’era un patto morale che in caso di qualificazione Champions, il diritto sarebbe diventato obbligo; dando l’attaccante al Chelsea col diritto di riscatto rischierebbe di ritrovarsi a giugno il giocatore a libro paga con un valore di mercato diminuito notevolmente. Il Milan non vorrebbe cedere, perché l’iniziale ipotetico scambio con Morata pare vada definitivamente scartato: lo spagnolo è molto vicino a vestire la maglia dell’Atletico Madrid.

Il tutto si deciderà la prossima settimana, prima Higuain dovrà guidare il Milan a Genova contro la Sampdoria per gli ottavi di finale sabato prossimo e poi in Arabia Saudita mercoledì 16 nella Supercoppa contro la Juve. Al termine di questi due incontri, gli umori e le volontà potranno essere diversi. Intanto il telefono è caldo….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *