La Fiorentina, come è noto, è in cerca di un esterno offensivo. L’indiziato numero uno, nonché anche quello più interessante e concreto, sembra essere proprio Marko Pjaca, il giocatore juventino classe ’95 laureatosi vice-campione del mondo ai Mondiali appena conclusi.

La formula

La Juventus da sempre vorrebbe cedere il giocatore con un prestito con obbligo di riscatto fissato a circa 22 milioni; la Fiorentina, d’altra parte, sembra non voler accettare questa soluzione, preferendo un prestito con diritto di riscatto.

L’incontro delle società

Nella serata di ieri si sono incontrate le due parti per discutere proprio dell’affare Pjaca.

Sembrerebbe che la Juventus abbia aperto al prestito secco, accelerando dunque la trattativa. La squadra bianconera, però, vorrebbe inserire nella trattativa anche il cartellino di Sturaro, giocatore che piace, appunto, ai viola anche se preferirebbero un profilo più giovane in mezzo al campo.

Per ora, la Fiorentina è rimasta sempre ferma sulle sue posizioni: prestito con diritto di riscatto. Non accetterebbe, infatti, né il prestito secco né l’obbligo di riscatto, dovendo prima valutare le condizioni fisiche del giocatore essendo reduce da un grave infortunio al crociato.

Per ora la trattativa è in stallo ma l’aria che si respira è positiva: entrambe le società sono convinte che si arriverà ad un accordo a breve. Le parti, infatti, si incontreranno nuovamente per discutere la trattativa.

Le possibili alternative

Il talento croato, si sa, vorrebbe andare alla squadra toscana.

Come detto, però, la trattativa è ancora in stallo.
Corvino, dg della Fiorentina, sta valutando le possibili alternative. La pista più calda è quella che porta a Sansone, attaccante del Villareal. La formula, anche qui, sarebbe il prestito con diritto di riscatto. La squadra spagnola, però, non è convinta della cessione del suo giocatore arrivato appena due stagioni fa.

Per i viola la priorità, però, sarebbe comunque il giocatore croato, che con Simeone e Chiesa costituirebbe un tridente d’attacco giovane ma dal grande potenziale offensivo.