Calciomercato Parma

In questa stagione per il Parma ci sono state poche note positive, ma tra queste ci sono sicuramente due bellissime scoperte come Mihaila, e Man, due esterni d’attacco romeni che hanno già attirato molte attenzioni su di loro per quanto riguarda il prossimo calciomercato.

Mihaila, classe 2000 e Man, classe 1999, si stanno mettendo in mostra in campionato e anche con la nazionale romena nelle sfide per le qualificazioni ai mondiali, dove Mihaila è anche andato a segno. Grazie alle ottime prestazioni molte squadre hanno messo nel mirino entrambi, per quanto riguarda il classe 2000 è vivo l’interesse di Roma e Napoli, mentre per l’ex Steaua Bucarest ha cominciato a sondare il terreno la Lazio, soprattutto in caso di cessione di Correa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO>>> Roma, piace Mihaila ma occhio al Napoli

Le parole dell’agente Becali

Gli interessi dei due attaccanti sono curati dallo stesso agente, Ioan Becali, che ha lasciato un’intervista a ParmaLive.com in cui ha parlato anche dei suoi due assistiti nel caso in cui il Parma dovesse retrocedere:  “In caso di malaugurata retrocessione non ci sono problemi. E allo stesso tempo possono esserci sorprese, i due sono apprezzati da tante squadre ed è lecito pensare che se facessero bene nel finale di stagione gli interessamenti possano aumentare. Ma ora il Parma deve pensare alle sue dieci finali.”

Invece sulle voci di calciomercato glissa così l’agente romeno: “Sono voci, i giornalisti ci creano sopra storie per vendere i giornali. Le squadre interessate hanno tutte il mio numero, ora c’è da pensare alle qualificazioni ai Mondiali, poi al finale di campionato. A fine maggio ci sentiremo e capiremo qual è il percorso giusto”. 

Inoltre Becali ha speso parole di elogio nei confronti di Kyle Krause: “Straordinario. Una persona straordinaria. Ritorna in Italia dopo tre generazioni e investe un sacco di soldi per migliorare una squadra di Serie A, con l’intenzione di lasciarla ai nipotini. Me l’ha detto a più riprese: ‘I miei nipotini saranno presidenti del Parma Calcio’. Penso che dal punto di vista economico il Parma non avrà più problemi, forse i problemi ce li avranno i dirigenti a stare al passo con le ambizioni del presidente. Credo che debba affidarsi a persone che conoscono il calcio italiano alla perfezione”.