Il discorso rinnovi sta tenendo impegnato per gran parte della giornata la dirigenza rossonera, si parte da quelli più spinosi legati a Donnarumma e Calhanoglu fino ad arrivare alla valutazione dei ragazzi arrivati in prestito. La decisione su uno di questi ultimi pare essere già stata presa, si guarda al campionato inglese per il sostituto.

Calciomercato Milan, Paolo Maldini sta attentamente valutando la posizione di Soualiho Meité, centrocampista arrivato in prestito durante il mercato invernale sotto la formula del prestito con diritto di riscatto fissato ad 8 milioni di euro. Il giocatore – chiamato in causa a sostituire Bennacer o Tonali – al momento non ha del tutto convinto, anche se è innegabile possegga qualità degne di essere ancora valutate da qui alla fine della stagione, 10 partite durante le quali le possibilità di giocare potrebbero essere ridotte visto i recuperi degli infortunati, ma che l’ivoriano dovrà in qualche modo cercare di sfruttare al meglio.

E’ del tutto evidente che però il Milan si stia guardando intorno per andare a scovare giovani talenti di qualità da comprare a basso costo e con la possibilità di vederli sfondare proprio una volta indossata la maglia rossonera, è questa la mission della proprietà e mai come in questi momenti economicamente complessi si intende perseguirla. Nel mirino un giovanissimo centrocampista attualmente militante nella Premier League che potrebbe di fatto andare a scalzare il classe 1994 ivoriano.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Calciomercato Milan, clamorosi intrecci: asse rovente con Torino

Un giovane molto interessante

E’ sicuramente un giovane da tenere in forte considerazione Ismaila Coulibaly, centrocampista originario della Repubblica del Mali, di proprietà dello Sheffield United attualmente militante nel Beerschot in prestito. Nella Jupiler Pro League belga il classe 2000 ha fino a qui collezionato 22 presenze realizzando 5 reti.

Il Milan osserva molto da vicino Coulibaly, già qualche tempo fa aveva sondato il terreno con il club inglese mettendo sul piatto 10 milioni di euro, offerta respinta, ma con l’intenzione di risentirsi per capire quali e quanti margini economici potessero esserci viste anche le attenzioni di altri club europei, in primis Bruges Galatasaray.

Considerata la difficile posizione in classifica dello Sheffield United, riteniamo difficile che il prezzo del giocatore possa salire, il Milan potrebbe quindi proporre nuovamente 10 milioni con bonus eventuali ed attendere la reazione degli inglesi. Con questa operazione – in caso di esito positivo – rispedirebbe Meité al Torino risparmiando gli 8 milioni per il riscatto ed assicurandosi al contempo un profilo di qualità, giovane e con potenzialità enormi ancora non del tutto espresse.