Lazio e Inter starebbero lavorando ad uno scambio scoppiettante, che vedrà due velocisti scambiare la maglia, con Inzaghi che ritroverebbe un suo pupillo.

Le due società si sarebbero messe al lavoro per trovare un intesa su uno scambio che ha già del clamoroso: la società romana, insieme al tecnico toscano ex Juventus, starebbero cercando di sistemare una rosa che, allo stato attuale delle cose, necessita di un rinforzo difensivo, nello specifico sulle fasce.

Lazzari non convince nel ruolo di terzino che, con Sarri, continuerebbe a ricoprire per mancanza di alternative, mentre Inzaghi non è entusiasta di un Dumfries che, al momento, fatica a ricoprire il ruolo di tuttocampista che l’allenatore ex Lazio gli ha cucito addosso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Lazio-Fiorentina 1-0. Gol e Highlights

Calciomercato Lazio, scambio ad alta velocità con l’Inter: i dettagli

Lazio, Dumfries

L’olandese, giunto a Milano nella sessione estiva del calciomercato nostrano, sembrerebbe aver già perso l’occasione di rimanere in neroazzurro, con Inzaghi che invece richiede a gran voce di riavere nella propria rosa un altro pupillo biancoceleste, ovvero Manuel Lazzari. Le difficoltà che questo affare presenta sono però piuttosto ingenti, a partire dalla valutazione che fa Lotito del suo gioiello difensivo, con una pretesa economica che si aggira intorno ai 25 milioni di euro. 

Cifra questa che differisce in maniera piuttosto importante, invece, dalla valutazione che l’Inter è costretta ad affibbiare al proprio tesserato, ovvero 15 milioni. Difficilmente la società biancoceleste farà sconti sulla valutazione messa in piedi, ma è altrettanto difficile che la dirigenza cinese interista inserisca nell’affare la differenza cash, pertanto questo affare appare, se non altro, di difficile riuscita.

E’ altrettanto doveroso sottolineare però, che i reciproci vantaggi che quest’operazione offrirebbe alle due compagini, potrebbero rilanciare in maniera decisa una trattativa che, solo qualche mese fa, poteva sembrare una vera e propria follia.