Sembra ormai essere cosa fatta il rinnovo di Correa, pronto a firmare un prolungamento di contratto che andrà oltre il 2023. Si parla infatti di un incontro nel quartier generale biancoceleste tra i dirigenti della società capitolina, e Alessandro Lucci, procuratore del fantasista argentino.

I dettagli 

Il contratto, che vedeva la sua scadenza nel 2023, vedrà invece prolungarsi di un ulteriore anno, trovando la sua naturale e legale conclusione nel 2024. Le cifre parlano di un adeguamento, che porterebbe l’ingaggio dell’attaccante della Lazio a 2 milioni netti, dall’1,3 milioni fin’ora percepiti.

Non solo l’adeguamento

C’è un dettaglio che non può essere sottovalutato, quello che riguarda la nuova clausola rescissoria che andrà a decorare un contratto già notevolmente migliorato. Clausola dunque che dondolerà tra i 70, e gli 80 milioni di euro. Una cifra assolutamente considerevole, che dovrebbe dunque andare a blindare il fantasista della Lazio.

I no di Lotito

E’ stato inoltre reso noto, che proprio in questa sessione estiva di calciomercato, fra le mani di Lotito sono giunte due offerte di egual valore, sia dal Milan, che dal Totthenam. Infatti, le due società, cercavano un giocatore in grado di saltare l’uomo, e di garantire qualità e quantità in attacco. 55 milioni, questa è la cifra che il presidente della Lazio ha prontamente rifiutato, considerando Correa al centro del progetto Lazio. Parere identico quello di Inzaghi, che ha voluto a tutti i costi che lo stesso giocatore argentino, restasse con la franchigia romana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *