Calciomercato Atalanta: la Dea vuole rinforzarsi ulteriormente nel reparto offensivo, concedendo alternative valide a quelle attualmente presenti in squadra.

Ormai sappiamo che uno dei punti di forza della squadra bergamasca è costituito dal reparto offensivo. Anche in questa stagione, tra tutte le competizioni, è stata superata la soglia della tripla cifra (più di 100 reti messe a segno), ma il presidente Percassi vuole regalare al suo allenatore un’ulteriore opzione in attacco, considerando che Zapata ha buon mercato e potrebbe essere ceduto.

Ecco, dunque, che secondo quanto riportato da “Transfermarkt“, il Presidente avrebbe messo nel mirino un centravanti già passato dall’Italia, con la casacca della Roma: Umar Sadiq.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Calciomercato Atalanta, Gasperini sempre più “oranje”: per l’esterno si guarda in Eredivisie

Calciomercato Atalanta, obiettivo chiaro: abbassare l’età media dell’attacco

L’Atalanta punta chiaramente a ringiovanire il reparto offensivo, strada intrapresa già la scorsa stagione con l’innesto di Sam Lammers, olandese classe 1997. Adesso, con la possibile cessione di Duvan Zapata (classe 1991), quasi forzata per cercare di monetizzare al massimo il trasferimento del colombiano, si aprono varie piste per il sostituto, ma quello più intrigante sembrerebbe essere Sadiq Umar.

Il nigeriano ha tutte le carte in regola per essere il prossimo colpo atalantino: età bassa, visto che ha ventiquattro anni; senso del gol, considerando che nella stagione attuale, all’Almeria, nel secondo livello del calcio spagnolo, ha segnato 18 reti, che divengono 26 nel totale di tutte le competizioni; esperienza, dato che ha già girato varie società, passando anche per Roma sponda giallorossa e vestendo anche le maglie di Torino, Bologna, Perugia, Rangers e Partizan Belgrado. Insomma, anche se ancora giovane, ha già molte esperienze nel suo palmares.

Il ragazzo è dotato di un buon fisico (1.92 m), velocità e senso della rete. Il suo costo si aggira sui 10 milioni di euro e questo potrebbe essere uno dei motivi principali del suo sbarco in terra nerazzurra. Staremo a vedere se la trattativa verrà portata avanti o se resterà solo un’ipotesi come tante, ma di certo c’è che alla Dea, i nomi banali, non piacciono proprio.