Gosens Juventus

Calciomercato Atalanta: le parole di Gosens all’emittente tedesca Kicker fanno tremare i tifosi. Ma il matrimonio tra l’esterno e la Dea non finirà a breve come si crede. 

Robin Gosens ormai da due stagioni si sta affermando (e confermando) come uno dei migliori esterni del nostro campionato. Non solo per il numero imbarazzante di reti che segna, pur nascendo come terzino sinistro, ma anche per il valore delle prestazioni. Insomma, riassumendo in una formula tradizionale “quantità e qualità”.

E queste due caratteristiche sono quelle che stanno attirando i grandi club europei alla porta dei bergamaschi, chiedendo informazioni riguardo una possibile cessione del laterale teutonico. Intervistato dalla rivista più seguita della Germania, Gosens ha ammesso che il suo sogno sarebbe quello di poter timbrare il cartellino delle presenze in Bundesliga.

Ma, la notizia che fa più scalpore, è che l’Atalanta, all’interno degli accordi con il giocatore, ha una clausola che permetterebbe alla squadra di Bergamo di attivare un’opzione per il rinnovo di contratto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Real Madrid-Atalanta: probabili formazioni e dove vederla

Calciomercato Atalanta, Gosens ed una cessione (forse) rimandata

L’Atalanta e Gosens andranno avanti ancora insieme. O per lo meno, così si evince dalle parole dello stesso numero 8 bergamasco durante una dichiarazione al giornale di Norimberga sopracitato. L’accordo attuale ha scadenza nel Giugno 2022, ma la Dea ha inserito negli accordi l’opzione per prolungare di un ulteriore anno tale data. Il che vorrebbe dire trattenere uno dei tasselli fondamentali dello scacchiere di Gasperini per un’ulteriore annata, cosa che potrebbe far fermentare ulteriormente la cifra incassata da una possibile cessione.

Inoltre, per completare il quadro, Gosens ha parlato della sfida con il Real Madrid, in onda domani, affermando di aver parlato con il suo amico e connazionale Toni Kroos. Il pluricampione centrocampista dei Blancos avrebbe rivelato di rispettare molto il modo di giocare dei ragazzi di Gasp, senza però esserne spaventati.

Verrebbe da aggiungere una considerazione logica: come potrebbe essere altrimenti? Loro sono il Real Madrid, fondatori della Coppa dei Campioni oltre che detentori del maggior numero di vittorie nella stessa ed hanno di fronte una squadra alla sua seconda partecipazione alla massima competizione europea. Ma, se c’è una cosa che abbiamo imparato in questo folle sport, è che, forse, al momento, è la massima rappresentazione terrestre ed umana della vicenda di Davide e Golia.