La determinazione, la voglia di vincere, la grinta, la classe non si è fatta attendere, nonostante fossero già qualificate, le nostre azzurre hanno “steso”” Malta

Primo tempo

L’Italia scende in campo con il 4-4-2 Giuliani – Bartoli – Linari – Fusetti – Boatti – Rosucci – Galli – Giuliano – Cernoia – Sabatino – Girelli, risponde Malta con il medesimo schema schierando Xuereb – Farrugia S.-  Lipman – Zammit C.  – Flask – Borg – Sultana – Zammit B. – Cuschieri – Theuma – Farrugia M.

Non si fa attendere la prima rete delle italiane, al 15‘ ci pensa ad Girelli è già pericolosissima, riceve da Sabatino che sicura tira in porta, ma la deviazione in spaccata di Lipman non le concede l’esultanza del gol. Ci pensa Cernoia sia al 27‘ che al 37‘ viola la rete delle maltesi, il primo con una traiettoria imprendibile da calcio di punizione, la doppietta le viene facile sfruttando un erroraccio della difesa maltese.

Questa volta è Girelli a servire la Sabatino che al 42′ insacca sotto porta, al 45′ cala il poker Giuliano e chiude così il primo tempo. Azzurre ferme e decise nel proseguire il cammino positivo. Solo in qquesta fase l’Italia ha effettuato ben 9 tiri in porta ed un possesso palla che sfiora l’ 80% contro nessun tiro da parte di Malta e un possesso del 21%. Ammonite Girelli e Giugliano

Secondo tempo

La seconda sessione di gioco inizia con le sostituzione due per Malta, fuori Farrugia S. e Cuschieri entrano Said e Sciberras; per l’Italia esce Elisa Bartoli ed entra Valentina Bergamaschi, nonostante il 4- 0 Milena Bertolini schiera un’altra attaccante.A mezz’ora dal fischio finale esce Aurora Galli per Giada Greggi.  al 71′ l’Italia effettua la sua ultima sostituzione inserendo Stefania Tarenzi al posto di Sabatino.

Al 72′ Giuliano ingenuamente esce dal campo senza autorizzazione e questo le provoca la seconda ammonizione e scatta di conseguenza il cartellino rosso e nonostante l’incredulità della panchina e delle compagne deve lasciare il campo per espulsione.

L’Italia non si arrende nemmeno in dieci e Malta non riesce ad opporre resistenza nè a trovare il coraggio e la forza di tentare di ridurre il gap, tanto che al 90′ + 3′ Greggi con un infallibile sinistro segna il 5 – 0 per le azzurre.

Migliore in campo per l’Italia e non solo,  Cernoia.

Nel 2020

Le azzurre torneranno in campo per le gare di qualificazione Uefa Women’s Euro 2021 ad aprile e dovranno affrontare prima Israele e successivamente la Bosnia. Sicuramente nella prima partita dell’anno nuovo non sarà presente Giuliano a causa del cartellino rosso rimediato oggi. La ct  Bertolini e tutte le azzurre possono essere molto soddisfatte dei risultati ottenuti in 6 gare hanno realizzato 18 punti, gol fatti 19 e gol subiti 2. Brave ragazze!!!